I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Una diagnosi precoce, che consente di intervenire subito con terapie

Si sa ancora  ben poco delle malattie reumatiche, ma oltre 5 milioni di cittadini ne soffrono. Riconoscere i primi campanelli d’allarme e arrivare al più presto a una diagnosi è essenziale per limitare i danni e curare al meglio i malati. I reumatismi comportano prevalentemente dolore di diversa entità e ridotta capacità funzionale della parte colpita. Gli esperti mettono in guardia da questi inquinanti, le sigarette, sigari, sono già state individuate come una causa di peggioramento della malattia ma anche molti altri inquinanti ambientali presenti nelle aree urbane o in prossimità delle autostrade possono peggiorare o contribuire a innescare la condizione. La causa chimica sembra essere la diossina. Pochi e scarsi segnali d’allarme all'inizio. Poi, all'improvviso, compaiono i dolori articolari e le prime difficoltà nel movimento, che molte persone però trascurano a lungo, mentre è importante non perdere tempo. Le malattie reumatiche sono in aumento? Gli esperti rispondono ,senza dubbio, in conseguenza di due fenomeni legati alla  situazione in cui si vengono a trovare le società ad alto tenore di vita come la nostra: l'allungamento della vita media e la maggiore esposizione a sostanze artificiali ed inquinanti.  Le malattie reumatiche, sono diffuse e sconosciute. Secondo le stime, colpiscono oltre 5,5 milioni di italiani, circa uno su dieci, anche se quelli realmente in cura sono appena 1,2 milioni, mentre gli altri ancora in attesa di una diagnosi. Una diagnosi precoce, che consente di intervenire subito con terapie, permette di rallentare i sintomi, fino ad arrivare in molti casi ad arrestarne la progressione. Le terapie oggi disponibili, sia farmacologica che riabilitativa e chirurgica, consentono di migliorare la prognosi e di conseguenza la qualità della vita dei malati. Chi ne soffre infatti deve spesso fare i conti con dolore e disabilità, e nelle forme più gravi vede compromessa la possibilità di avere un’occupazione, frequentare gli amici, farsi una famiglia. I reumatismi sono un insieme di sintomi  e disturbi che interessano il sistema articolare. Questo termine viene infatti utilizzato per descrivere un indolenzimento transitorio o la conseguenza di una malattia reumatica. I reumatismi comportano prevalentemente dolore di diversa entità e ridotta capacità funzionale della parte colpita.  Esistono più di cento malattie reumatiche, molto differenti fra loro per frequenza e gravità. Nel nostro Paese ne soffrono tantissime  persone. Gli uomini con malattie reumatiche: sono la metà delle donne e hanno delle specificità da non trascurare. Ad esempio, nell'artrite reumatoide, l'espressione della malattia può essere diversa, più impegnativa per il sesso femminile rispetto a quello maschile. Le malattie reumatiche nel nostro Paese interessano una persona su tre dopo i 65 anni e sono in aumento, soprattutto per via dell’invecchiamento generale della popolazione . Colpiscono soprattutto le articolazioni, lo scheletro e l’apparato muscolare, ma a volte coinvolgono anche organi interni e altri tessuti. Esistono oltre 150 tipi di patologie reumatiche diverse sia per come si manifestano, sia per le cause che le determinano. Meglio non trascurare una tumefazione che compare velocemente, senza un motivo apparente, così come un rigonfiamento associato o meno a dolore e arrossamento locale, di una o più articolazioni in assenza di trauma. Il malato reumatico è molto fragile, spiegano gli esperti(Società italiana reumatologica)  ma per questo non deve vivere limitando le possibilità di svago e relax tenendo però conto di poche principi fondamentali, non sono tutte uguali e ciò che fa bene per una potrebbe non far bene per altre. Il secondo è che non tutti i malati della stessa patologia sono uguali: la stessa malattia può manifestarsi con diversi livelli di gravità, può accompagnarsi a diverse complicazioni e a  (coesistenza di altre malattie) ed infine spesso anche i farmaci utilizzati sono diversi". Per questo motivo gli esperti consigliano di consultare sempre il reumatologo di fiducia per avere i consigli più appropiati nelle specifiche situazioni.

Piero