I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

In arrivo le nuove emoji 2019, più inclusive che mai!

16/02/2019 - AUTORE: Flora Iannaci

Buone notizie per tutti gli amanti dei social networks: nel 2019 verrà reso disponibile un nuovo pacchetto di 230 nuova emoji, per rendere ancora più espressive, allegre e divertenti le nostre chat quotidiane. Nel corso degli ultimi anni, i tanto amati avatar hanno dimostrato di essere al passo con i tempi, diventando di anno in anno più numerose ed inclusive riguardo ogni genere di differenza. Nel 2015 sono infatti stati introdotti per la prima volta i diversi colori di pelle. Nel 2016 ci ha sorpreso vedere un sensibile aumento delle emoticon di donne in molte e differenti vesti professionali. Il 2017, ricorderete, è stato invece l’anno in cui sono apparse quelle relative alle coppie ed alle famiglie LGBT. Quest’anno assisteremo ad altre novità: il nuovo pacchetto, approvato dal Consorzio Unicode, comprenderà infatti per la prima volta emoji legate al mondo della disabilità: saranno incluse persone con disabilità visive, uditive, di linguaggio ed a mobilità ridotta. Non mancheranno, inoltre, cani e bastoni guida, apparecchi acustici, protesi e sedie a rotelle, sia manuali che – addirittura - elettriche. Il nuovo pacchetto senza tabù, comprenderà inoltre avatar per le coppie interraziali ed una goccia di sangue, in rappresentanza del ciclo mestruale femminile.
Tra le tante novità, anche molti nuovi cibi e specie animali esotiche, nuovi capi di abbigliamento anche tipici di diverse culture (si pensi all’affascinante sari indiano) e monumenti famosissimi come il Taj Mahal. Tutte quante, ovviamente, coloratissime e curate nel dettaglio. Non ci resta dunque che aspettare il momento in cui potremmo finalmente provarle tutte nelle nostre conversazioni di Whatsapp, Telegram, IMessage e Messenger e, ovviamente, utilizzarle per rendere sempre più espressivi i nostri stati.