Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Guai a voi guide cieche!

Carissimi lettori,

vi ricordate quando ci fu l'attentato mafioso a Borsellino e a Falcone e  udimmo Giovanni Paolo Secondo a gran voce  dire:

"Guai a voi che vi arrogate del diritto di togliere una vita ad una persona! Convertitevi!"  Il papa di allora in poche parole cercava di spiegare che  questa vita è temporanea e di passaggio e saremmo  giudicati secondo un metro di giustizia che non è quella umana ma quella divina. Alludeva al fatto  che la vita è un soffio e non sappiamo quello che puo' accaderci domani e incitava tutti a  dover cambiare già da ora, perchè noi pensiamo sempre ci sia un dopo, ma questo dopo puo' essere ogni giorno e quello che sta accadendo dovrebbe farci ragionare ancor di più-

Quando ci ritroveremo in punto di morte non pensate di trovare  una Giustizia? Che conosce ogni pensiero, opera, omissione, parola, che ciascuno di noi ha pronunciato in vita, anche le cose di cui non siamo consapevoli che vengono ingrandite e giudicate con sofferenza nel profondo?

Voi pensate che non tribolerete? voi pensate che tutto cio' che avete fatto di male di nascosto in punto di morte non vi sarà rivelato come una secchiata di acqua fredda tutta insieme? Noi pensiamo che nessuno giudica le nostre azioni, ma non è cosi. Noi ci sentiamo invincibili ma non è cosi perchè alla morte arriveremo tutti.

Non basterà la finta messa, la confessione, prendere la comunione se non viviamo ogni giorno concretamente pensando di amare Dio e gli altri come noi stessi ma non a parole ma con i fatti! non amando esclusivamente noi stessi, i nostri corpi, i nostri soldi, il potere. Oggi come ieri l' uomo pensa male, parla male, si comporta male commettendo addirittura crimini assurdi ed efferati per i propri interessi personali.

Ma avete dato mai un occhiata all'esperienze delle persone che si sono trovate in punto di morte? Ad esempio ne cito un su tante l' esperienza di Gloria Polo? Leggetevela per capire cosa ci aspetta in punto di morte e per l' eternità e cambierete idea nel modo in cui ci stiamo  comportando ora.

Ecco in questo momento sento quasi riecheggiare quelle parole di Giovanni Paolo Secondo che ripetono:

Guai a voi che avete lasciato morire persone per non aver utilizzato la plasmaferesi, che invece in altri paesi o ospedali è stata utilizzata subito e non ci sono stati decessi.

Guai a voi se l avete fatto con coscienza e in tv cercate di manipolare le persone facendola passare per una tecnica sperimentale.

Guai a voi se lo state facendo per interessi economici superiori per proporre ai rimanenti sopravvissuti, impauriti e in psicosi di essere contaminati, una vaccinazione di massa per danneggiarli oltre modo.

Guai a voi se avete creato questo virus volontariamente per destabilizzare l' economica e le menti delle persone anche spiritualmente.

Anche io lo ripeto, guai a voi guide cieche, belli e importanti nella vita ma morti dentro, perchè se a noi qualcosa puo' sfuggire all'Onnipotente di certo non è sfuggito e vi incito a seguire il consiglio di Giovanni Paolo Secondo, che nessuno mai dimenticherà, perchè chi fa del bene con la giusta  intenzione viene ricordato per sempre, chi fa del male no.

Tiziana Scotti