Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Scienza, il governo taglia i fondi all’istituto di ricerca sul cervello fondato da Rita Levi Montalcini

14/11/2018 - AUTORE: Redazione DA

Nella proposta della legge di Stabilità del governo Lega e Movimento Cinque Stelle non è stato inserito il contributo straordinario per l’EBRI, l’Istituto Europeo di Ricerca sul cervello fondato dal premio Nobel Rita Levi Montalcini. I ricercatori del centro di ricerca hanno scritto una lettera al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per richiamare l’attenzione del Capo dello Stato sul taglio dei fondi.

Questa decisione governativa ha messo gravemente a rischio l’istituto scientifico che a causa della scomparsa dei finanziamenti potrebbe dover chiudere i battenti. “Il contributo straordinario per l’EBRI, l’Istituto Europeo di Ricerca sul Cervello fondato da Rita Levi Montalcini non è stato inserito nella proposta del Governo della legge di Stabilità. Ciò porta al rischio di chiusura per l’Istituto”, si legge nella lettera spedita al presidente della Repubblica.

Nella tarda serata del 12 novembre però, il presidente, Antonino Cattaneo, ed il direttore generale, Giuseppe Nisticò, hanno dato notizia che è stato presentato alla Camera un emendamento con le risorse necessarie per evitare il licenziamento di 60 giovani ricercatori dell’Ebri.

Operativo dal 2002, per volontà del premio Nobel Rita Levi-Montalcini, l’European Brain Research Institute risponde alla necessità di avere in Italia un centro in cui condurre ricerche sul cervello con l’obiettivo di individuare nuove strategie terapeutiche per malattie neurodegenerative, come l’Alzheimer, e per altri gravi disturbi del sistema nervoso. Grazie ai finanziamenti ricevuti dalla Commissione europea e grazie ai Brevetti, l’Istituto riesce ad auto finanziarsi, ma solo in parte. I contributi infatti non coprono completamente le spese per la ricerca. La Fondazione EBRI, come si legge nel sito, è stata fondata da Rita Levi Montalcini per dare ai giovani ricercatori italiani l’opportunità di sviluppare al meglio le loro capacità nella ricerca sulle malattie neurodegenerative.

Fonte https://www.tpi.it/2018/11/13/istituto-ricerca-montalcini-governo-tagli/?fbclid=IwAR2gPx6pUCVTQGR7xXDrC8_t-YUG3q4cLWHsJOy7aQICffAZihSw9wEI-D4