Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Dopo anni di ricerche ancora rimane il dubbio

Ma la verità è che, a distanza di molti anni dall'arrivo dei cellulari nella nostra vita, ancora non si riesce a dare una risposta chiara alla domanda: i telefonini possono aumentare il rischio di tumori al cervello?  I telefoni cellulari sono entrati in commercio alla fine degli anni '80 del secolo scorso, ma si sono diffusi in modo esponenziale negli ultimi 20 anni, al punto che è sempre più raro trovare persone che non ne fanno uso.Ormai uno strumento indispensabile per tutti. Non solo è aumentato il numero di individui che utilizzano i cellulari (sia adulti, sia bambini) ma anche il tempo che ciascuno passa a contatto con l'apparecchio. Vi sono tre motivi principali per cui è nata la preoccupazione che i telefoni cellulari possano avere effetti nocivi per la salute, sono apparecchi che funzionano utilizzando onde radio, come i raggi X e gamma di cui è noto l'effetto mutageno sul DNA . I tessuti a contatto con il cellulare possono a loro volta assorbire questa energia. Vi sono sempre più persone che usano i cellulari, inclusi i bambini molto piccoli. il numero di chiamate al cellulare effettuato al giorno e la durata delle chiamate sono aumentati, anche se, parallelamente, è migliorata la tecnologia e i nuovi cellulari emettono energie molto più deboli di quelle dei primi modelli. Ormai tutti usiamo il cellulare, compreso bambini, ma ad oggi non abbiamo una certezza, sulla gravità delle onde, ci troveremo un domani con la scritta come le sigarette,” il cellulare nuoce gravemente alla salute?” Speriamo questo non avvenga!! Oggi usiamo il telefono cellulare come uno strumento indispensabile, facciamo tutto con questo piccolo strumento. Facciamo acquisti a miglior prezzo, ricerchiamo strade e luoghi, ristoranti, alberghi e controlliamo il meteo diverse volte al giorno. In luoghi di attesa ascoltiamo musica e leggiamo ultime notizie, nei momenti di relax scattiamo foto e video ed usiamo per inviare messaggi ed E-mail , detto questo ormai rimane l’immagine che il cellulare soprattutto per le nuove generazioni è costantemente addosso, prima di uscire si verifica se il telefonino e a pieno carico con la batteria difficilmente si dimentica a casa. Le onde a radiofrequenza, però, se intense, possono scaldare i tessuti (come accade con le microonde, utilizzate per cucinare. Più l'antenna è vicina alla testa della persona, maggiore è l'esposizione alle onde RF e l'assorbimento di energia da parte dei tessuti: un fenomeno facilmente verificabile utilizzando il cellulare per qualche minuto vicino all'orecchio ma senza appoggiarlo e valutando come i tessuti si scaldano anche in assenza di un contatto diretto. I telefonini sono pericolosi per la nostra salute? Le ricerche scientifiche ruotano intorno a questa domanda senza arrivare a una risposta definitiva. Ma nonostante questo rumore di fondo, simile a quello creato in passato dalle industrie del fumo, della diossina e dell'amianto, alcuni segnali si captano ormai chiaramente. Dato che i cellulari vengono tenuti vicino alla testa, i ricercatori hanno concentrato i loro studi sulla possibile relazione tra il loro utilizzo e la comparsa di tumori cerebrali maligni come i gliomi, tumori cerebrali non maligni come i meningiomi, tumori benigni del nervo che collega l'orecchio al cervello. Altri piccoli studi con risultati poco significativi hanno valutato il rapporto con il cancro della pelle, dei testicoli e delle ovaie (per via dell'abitudine di tenere il cellulare nelle tasche dei pantaloni). Nel dubbio e le incertezze che venga chiarito ed accertato la lo pericolosità per la nostra salute, prendiamo alcune precauzioni per ridurre il rischio, parlare con auricolari con filo, evitare di portarlo nelle parti più delicate del nostro corpo, parte intime e cuore. Utilizzare per breve tempo con brevi telefonate laddove possibile. Evitare  di ricaricare il cellulare vicino al letto , oppure allontanare almeno per un metro . Considerando che oggi dietro la telefonia mobile ruota un commercio non di poco conto, prendere precauzioni non è mai abbastanza. Voi cosa pensate? Quali precauzioni adottate?

Piero