I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

La sensibilità di un bambino può lasciare senza parole

05/01/2019 - AUTORE: Floriana Salvagione

Oggi voglio parlare con voi, di un argomento che ancora non si riesce a risolvere, a causa di persone incivili e poco sensibili di fronte alle difficoltà altrui. Nelle nostre città, c'è poco rispetto per le persone con disabilità... Molto spesso continuiamo sentir parlare di autobus che non fanno salire i disabili, marciapiedi senza scivoli, parcheggi riservati che sono utilizzati da persone che non ne hanno diritto, con la scusa che non è facile trovare parcheggio. Porto la vostra attenzione, su un fatto singolare di civiltà che viene insegnata dai più piccoli agli adulti. Tutto si svolge in Lombardia, precisamente a Malnate, nel varesotto. Emanuela Solimeno, mamma di Luca un bambino affetto da tetraparesi spastica, è stanca di affrontare spesso un disagio quotidiano: cioè quello di trovare frequentemente il parcheggio riservato ai disabili, occupato da chi non ne ha diritto. Emanuela comunque precisa che il parcheggio non è riservato a suo nome, perché di disabili nel circondario ce ne sono abbastanza. Loro vivono al centro, vicino ad una scuola, ad un edicola, ad un bar: è proprio per questo che il parcheggio è sempre occupato, anche se in tanti dicono la classica frase: "Solo un attimo, cinque secondi." Allora questa mamma per cercare di risvegliare la coscienza civica, ha pensato di rivolgersi ai più piccoli con un'iniziativa che andrebbe copiata. Emanuela, oltre a Luca ha un altro figlio di nome Jacopo, il quale essendo il fratello maggiore ha deciso di correre in aiuto a Luca, con la complicità di un suo amichetto. Così i due hanno subito attaccato sul tergicristallo di quella macchina parcheggiata nel punto sbagliato, una " Multa dei bambini", naturalmente simbolica ma molto significativa. È una bellissima iniziativa del comune di Malnate, il quale ha aderito al progetto "Città dei bambini":  ogni alunno della scuola primaria, ha un suo taccuino per fare le multe, segnalando le diverse scorrettezze come ad esempio: parcheggiare sul marciapiede, sulle strisce o percorsi pedonali, al posto dei disabili, creando intralcio. Sono questi i motivi per cui i bambini fanno la multa, la mamma di Luca, continua  il suo racconto dicendo che: voleva portare lei da sola questa simbolica ma importante contravvenzione, Jacopo ed il suo amico, però l'hanno voluta accompagnare. Mamma Emanuela, aveva paura di una brutta reazione dell'automobilista in questione. Certe persone quando vengono colte in flagrante, in certe situazioni scomode, non sono per nulla educate. Anzi tutt'altro non è un bello spettacolo da vedere... La Solimeno, ha reso pubblica questa situazione e la multa su Facebook, ha ricevuto molti attestati di stima, fra i tanti messaggi c'era anche quello dell'assessore che ha promosso proprio l'iniziativa della multa dei bambini, Irene Bellifemine. L'amministrazione e la Polizia locale, si sono sempre dimostrate disponibili e sensibili, inoltre Emanuela dichiara: che il loro sostegno è molto importante per mantenere alta l'attenzione su argomenti come questo. Tale episodio, mi fa tanto riflettere, in primo luogo mi sento di fare i complimenti alla città di Malnate, ai suoi abitanti più giovani ed alla loro conoscenza civica, che sta crescendo nel modo corretto. Di solito sono i bambini a dover prendere esempio da noi adulti, ma in questo caso, credo che questi piccoli ci abbiano dato un grande esempio di maturità, intelligenza, e sensibilità. Tre cose fondamentali, che secondo me mancano alla maggior parte degli adulti, che parcheggiano davanti agli scivoli come se fosse una cosa normale, non pensando minimamente al  disagio che creano ad una persona in carrozzina ed al suo accompagnatore. Sono davvero indignata, da persona disabile, nel vedere ancora tutto questo... Vorrei dare un consiglio ai vigili, che io personalmente ho chiamato più volte quando mi sono trovata davanti a rampe occupate, di vigilare di più e di non fregarsene dicendo la solita frase: " Siamo in pochi non possiamo lasciare la nostra postazione."  Questa è la risposta che più volte mi sono sentita dare al telefono, lascio a voi i commenti. Spunti presi da:  http://milano.repupplica.it/ cronaca/ 2019/01/04/ news/varese_ parcheggio_disabili_multa_babbo_natale-215809433 

Floriana Salvagione