I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Malata di Parkinson attraversa a nuoto lo Stretto di Messina

La malattia non ha fermato Cecilia Ferrari e altri «nuotatori» che hanno aderito al progetto «Swim for Parkinson» nuotando per oltre tre chilometri

Le correnti, la leggenda di Scilla e nemmeno la malattia di Parkinson hanno fermato Cecilia Ferrari, una dei sette «parkinsoniani» che il 29 luglio hanno attraversato a nuoto lo Stretto di Messina. Cinquantaquattro anni, sposata, due figli, veterinaria di Arona, sul Lago Maggiore, Cecilia Ferrari è ammalata da 11 anni, tre anni fa ha avuto un impianto di DBS ( neurostimolazione cerebrale ) che le ha consentito – per sua stessa ammissione – di riprendere alcune delle sue passioni sportive quali la bicicletta e il nuoto (si è allenata anche con un campione come Massimiliano Rosolino). Dopo alcune traversate non competitive sul lago di Iseo, anche quest’anno ha partecipato a questa «sfida». Con lei hanno percorso quei 3,5 chilometri di mare altre persone ammalate che hanno partecipato al progetto Swim for Parkinson , che prevedeva la partenza da Capo Peloro, sulla costa messinese, e l’arrivo a Cannitello, sulla costa calabrese. Ad accompagnare con il tifo le loro bracciate oltre a parenti e amici, le associazioni che da tempo si occupano della malattia ( fondazione Limpe per il Parkinson Onlus, Accademia Limpe - Dismov ), la Onlus siciliana l’Aquilone che si occupa di disabilità e dalla società biomedicale Boston Scientific, mentre la Capitaneria di porto ha garantito la sicurezza.


La patologia

Il Parkinson è una malattia degenerativa, ad evoluzione lenta ma progressiva che coinvolge soprattutto il controllo del movimento e dell’equilibrio. La causa è data a dalla progressiva morte dei neuroni situati nella sostanza nera, piccola zona del cervello che, attraverso la dopamina, controlla i movimenti del corpo.Colpisce colpisce l’1-2% della popolazione mondiale sopra i 60 anni. L’età media di esordio è intorno ai 58/60 anni, ma il 5% dei pazienti può registrare i primi sintomi anche tra i 21 ed i 40 anni. In Italia i malati sono circa 250.000 malati.

 

Fonte:  https://www.corriere.it/salute/neuroscienze/19_luglio_30/malata-parkinson-attraversa-nuoto-stretto-messina-a998b2b4-b29a-11e9-836f-760707711764.shtml?intcmp=emailNLcor_salute_05082019