Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Danzare a due ali

La musica, la danza, possono essere fondamentali per tutti noi perché ci aiutano a tirar fuori tutto ciò che abbiamo dentro. Ci fanno superare i nostri momenti difficili e bui, dando vita ad un’energia positiva che fa bene alla nostra anima, oltre che alla salute. Virginia di Carlo è una ragazza in carrozzina fin dalla nascita a causa di una tetraparesi spastica, che le ha compromesso tutti e quattro gli arti, i medici non pensavano potesse arrivare oltre la maggiore età. Di lì a poco, nasce la sorella più piccola di Virginia: Martina che con il passare degli anni ha scoperto un’interesse particolare per la danza che è diventata la sua vita, a tal punto da coinvolgere con lei anche sua sorella più grande, con forza e tenacia cominciano a danzare insieme. Cosi le due sorelle, dopo tanti anni di preparazione hanno visto arrivare vittorie e successi, ognuna nel proprio campo (Virginia è atleta paraolimpica, Martina campionessa italiana e medaglia d’argento mondiale di danza.) Grazie a questi traguardi, hanno deciso di estendere il loro sogno anche a tanti altri loro amici disabili, per fare in modo che questa passione possa migliorare anche la vita di altre persone che vivono la loro realtà. Per dar vita a quest’iniziativa hanno bisogno dell’aiuto del web, adesso vi spiego come: MSD CrowdCaring, un progetto di “crowdfunding”, interamente pensato per la salute, in collaborazione con la piattaforma di crowdfunding Eppela. Andiamo a vedere bene di cosa si tratta: esso è un nuovo metodo di finanziamento che serve ad aiutare se pur dal basso a contribuire alla realizzazione di idee, sogni e progetti, che come dicevo prima, sono utili alla salute. Grazie a questa nuova idea, Il progetto delle sorelle Di Carlo ha ricevuto anche un premiato al Web Marketing Festival, che si svolto da poco a Rimini con l’Award Innovation for People. Nel momento in cui vengono presentati tutti i progetti per ogni raccolta fondi (chiamata anche “call”) e vengono selezionati quelli che meritano di più, poi si hanno 40 giorni a disposizione, durante i quali questi progetti, grazie alla piattaforma Eppela (https://www.eppela.com/it/mentors/msd-crowdcaring) possono essere visionati dalla Community per poter essere finanziati. Quelli che riescono a ricevere almeno il 50% del finanziamento totale richiesto da parte di coloro che espongono il progetto, quindi un finanziamento collettivo “dal basso, avranno la possibilità di avere un cofinanziamento di MSD Italia fino a massimo 5.000 euro a progetto. Le nostre amiche hanno superato anche più rosee aspettative, ricevendo da coloro che seguono la piattaforma(utenti Eppela) un finanziamento pari al 102% del obiettivo prefissato, in cifre stiamo parlando di 15.400 euro hai quali va aggiunta la cifra di 5.000 euro da parte di MSDCrowdcaring. Quindi si può dire che le due sorelle sono riuscite nell’ loro intento. Pochi giorni fa, esattamente il 14 luglio si è conclusa la seconda campagna di raccolta fondi, per la candidatura di nuovi progetti, infatti la call resta aperta per altre due iniziative di cui accenno qualcosa: - La prima parte il nome: “Dove il cinema non arriva," iniziativa che vuole portare appunto il cinema né grandi ospedali, o piccole case di cura ed accoglienza, per offrire pazienti momenti di condivisione ed intrattenimento. – La seconda si chiama: “Psichronicle" un progetto di prevenzione e di cura per le patologie che riguardano il disagio psicologico stiamo parlando di patologie croniche. Saranno aperti degli sportelli di supporto in due città italiane: Bari e Roma, a questi sportelli si potranno trovare specialisti e psicologi che presteranno servizio di psicoterapia e saranno a disposizione di tutti gli utenti e si pensa che resterà attivo per sei mesi. A coloro che leggeranno, consiglio di entrare nella piattaforma che vi ho citato all'inizio per votare il progetto che più v'interessa. A voi non costa nulla ma contribuirete alla realizzazione un’altro sogno. Iniziative come questa, rendono internet ed i suoi utenti veramente utili e concreti, non soltanto per mettere un mi piace che comunque non denigro…ma in questo caso se il mi piace si trasforma in denaro, per finanziare sogni, i quali senza di esso sarebbero rimasti nel cassetto, tutto può diventare una splendida realtà, come quella che in questo caso stanno venendo le nostre Virginia e Martina.

Spunti da:

https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2019/07/08/news/il_sogno_di_virginia_e_martina_una_scuola_di_danza_per_ragazzi_disabili-230261972/

Floriana Salvagione