Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Poste Italiane, ultime novità importanti

Siamo oramai da un pò di tempo obbligati a stare a casa, ma uffici pubblici e alcuni negozi devono restare tempo. Tuttavia per mantenere un numero minimo di persone e quindi evitare il contagio, si stanno cercando altre misure. Il 20 marzo 2020, qualche giorno fa, il Capo del Dipartimenti di Protezione Civile ha dato alcune importanti indicazioni sui pagamenti per quanto riguarda la pensione, gli assegni, le pensioni e le indennità di accompagnamento agli invalidi civili e corrisposte dall’INPS presso le Poste Italiane. Non so se ci saranno nel breve tempo ulteriori cambiamenti, ma per il momento tenete bene in mente queste informazioni che vi scriverò

Questi cambiamenti vengono introdotti per le mensilità di aprile, maggio e giugno 2020 e servono per evitare assembramenti agli sportelli postali e tutelare le persone più esposte, come anziani e i dipendenti stessi delle Poste, dal rischio contagio. Il pagamento della pensione, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento agli invalidi civili, di aprile, maggio e giugno 2020 è anticipato in questo modo:
- dal 26 al 31 marzo 2020 per la mensilità di aprile 2020;
- dal 27 al 30 aprile 2020 per la mensilità di maggio 2020;
- dal 26 al 30 maggio 2020 per la mensilità di giugno 2020.

Le Poste Italiane fanno sapere che le pensioni del mese di aprile verranno accreditate il 26 marzo per quanti dispongono di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. Mentre chi è titolare di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti, senza bisogno di recarsi allo sportello.

Attenzione anche a questo: per tutti quelli che devono recarsi allo sportello postale per il ritiro delle pensioni, è stato stilato, fino ad ulteriori modifiche, un calendario che va a cognomi, raccomandandosi, in modo obbligatorio, di rispettare le seguenti date. Inoltre, sempre la direzione generale di Poste Poste raccomanda di entrare negli uffici postali esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e, in ogni caso, di indossare tutte le misure possibili di protezione personale, di entrare solo all’uscita dei clienti precedenti, di tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico e di rispettare sempre quello che viene detto da chi lavora presso le poste sia davanti, all’esterno, che dentro gli uffici stessi

  • dalla A alla B giovedì 26 marzo
  • dalla C alla D venerdì 27 marzo
  • dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo
  • dalla L alla O lunedì 30 marzo
  • dalla P alla R martedì 31 marzo
  • dalla S alla Z mercoledì 1 aprile.

Qui i dettagli del calendario per gli uffici postali aperti a giorni alterni.
questo Il comunicato di Poste Italiane

Alessandro Cavernicoli