Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

L’olio di iperico incredibile fonte di proprietà benefiche

L'olio di iperico è un olio estratto dall’hypericum perforatuom una pianta conosciuta spesso nel lessico comune come l’erba antica di San Giovanni, dalle incredibili proprietà benefiche. Secondo la tradizione storica andrebbero raccolti i fiori nella notte del Santo il 24 giugno, nel solstizio d’estate, momento  in cui la forza del sole e le sue proprietà esalterebbero le qualità della pianta. La macerazione dei fiori della stessa, ha svariati utilizzi ma principalmente:  la capacità di cicatrizzare ulcere, risolvere leggeri eritemi solari, anestetizzare la parte dolente, risolvere o perlomeno far migliorare le piaghe da decubito oppure ancora è un ottimo ausilio contro le ustioni. L’olio posto diretto contatto con la pelle, sulle piaghe creerebbe una sensazione immediata di sollievo. Come si può ben capire per noi disabili è un ottimo aiuto per prevenire o per curare le nostre piaghe da decubito. Ma non solo, l'olio  applicato sulla pelle dopo l’esposizione al sole, attenzione MAI prima dell'esposizione al sole, potrebbe esser in questo caso dannosa, è un ottimo dopo sole. Anche il mondo della bellezza della cosiddetta “beauty” utilizza l’olio d’iperico per svariati problemi relativi alla salvaguardia della pelle. Macchie, psoriasi, pelle secca, cellulite ma anche smagliature, acne ed anche il suo utilizzo come antirughe sembra essere di grande proprietà. L'olio di iperico però non finisce di stupire, importante  anche per la pelle in perfetta forma che grazie all'utilizzo dello stesso, risulterà più liscia e più shinning (lucente). Di facile reperimento si può trovarlo in molti canali distributivi da quelli tradizionali quali l’erboristeria o la farmacia, oppure nei supermercati o nel market on-line. Il prezzo è variabile in base alla grandezza , alla qualità, alla purezza o in base al marchio che la pubblicizza ma sempre comunque alla portata di tutte le tasche. Direi quindi: buon iperico a tutti.

Paola Bevilacqua