Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Ortho - Bionomy ®: una terapia alternativa utile per le paralisi cerebrali infantili

Chi è affetto da esiti di paralisi celebrale infantile, che siano essi lievi, o più consistenti, sa che spesso per trovare miglioramenti significativi della propria condizione fisica, occorre cercare altrove rispetto ai comuni, e spesso insufficienti, percorsi dati dalle ASL di riferimento. 

Tra le terapie alternative che si possono scegliere, ce n’è una che io ho provato personalmente e che mi ha, in un certo senso, “aperto un mondo” rispetto a tutte le cose provate fino a quel momento.

Era la prima metà degli anni ‘90, quando i miei genitori decisero di portarmi in Svizzera, da un certo Arthur, per provare una seduta di Ortho-Bionomy.

All’epoca ero poco più che una bambina, e nella vita ne avevo già passate tante, tra ricoveri, interventi, fisioterapie e tutori, ecc...

Il nome “Ortho-Bionomy” deriva dal greco e significa letteralmente “corretto principio naturale/vitale”.

Vediamo in che cosa consiste: l'Ortho-Bionomy® è una tecnica manuale che deriva dall’osteopatia, ed è stata sviluppata negli anni 70 da Arthur Lincoln Pauls (1929-1997), il quale ho avuto l’onore di conoscere, appunto negli anni ‘90, durante il nostro primo, e unico, incontro.

L’Ortho-Bionomy® è una tecnica manipolativa dolce e alternativa utilizzata in diverse situazioni, nelle quali rientrano anche le patologie neurologiche come, ad esempio, le paralisi celebrali infantili:

  • Squilibri, tensioni e dolori muscolari
  • Disturbi funzionali diversi: cefalee, vertigini, insonnia, vista etc.
  • Disequilibri della postura : scoliosi, cifosi e lordosi
  • Sostegno a certi stati depressivi
  • Terapia conseguente a choc, traumi, incidenti
  • Postumi di interventi chirurgici, cicatrici
  • Gravidanza pre e post parto
  • Accompagnamento in certe malattie gravi, neurologiche, croniche o degenerative.

Il trattamento prevede un approccio dolce, rispettoso ed empatico verso la persona che viene considerata nella sua interezza, non solo come un numero, o una patologia da curare.

Per prima cosa si fa mettere il paziente in una posizione antalgica, una posizione cioè, dove le tensioni dovute alle contratture, o all’ipertono, come nel caso di una tetraparesi come la mia, siano ridotte al minimo. 

Le manovre del terapista sono più di ascolto che di manipolazione vera e propria; contrariamente a quanto succede durante terapie osteopatiche e chiropratiche, c’è anche una parte importante di anamnesi e di dialogo e ascolto del paziente, in modo tale che, attraverso l’analisi di certe problematiche fisiche, si possa risalire anche a cause psichiche come stress, o traumi pregressi che le hanno accudite, o scatenate.

Nel mio ricordo di bambina, durante quel primo trattamento di Ortho- Bionomy, mi rivedo in una stanza tranquilla, una coperta blu, e questo signore, Arthur appunto, come un uomo bonario e tranquillo che rassomigliava in un certo senso ad un babbo Natale. L’efficacia del trattamento è molto legata alla qualità del terapista e Arthur, essendo lui stesso il fondatore del metodo, quasi non ebbe bisogno di far nulla di straordinario, almeno non con me.

Al termine della seduta, il terapista (Arthur nel mio caso specifico) suggerisce una serie di esercizi di mobilizzazione della colonna vertebrale e delle articolazioni, con lo scopo sia di fissare i benefici del trattamento, sia di far fare movimenti specifici, per promuovere un ulteriore stato di benessere e di rilassamento fisiologico.

Arthur, quella volta, mi fece vedere dei movimenti da eseguire con le mani, e ricordo che disse qualcosa in inglese che non io non capì, ma che mi fece sentire accolta, come se fossi a casa, mi ritrovai in uno stato di rilassatezza e benessere che non avevo mai provato prima.

Posso dire quali sono stati i benefici per me riguardo a quella seduta in particolare: 

1 - sono riuscita a eliminare per parecchi giorni l’ipertono e le contratture muscolari, tanto da riuscire a camminare appoggiando entrambe le piante dei piedi e senza ausili, prima appoggiavo solo le punte dei piedi e per muovermi avevo bisogno sempre di un sostegno, le stampelle in questo caso.

2 - Sono scomparsi molti dei dolori e fastidi che spesso mi accompagnavano nei movimenti quotidiani.

Già solo aver portato a casa quei due risultati mi fece pensare a qualcosa di miracoloso, anche se i miracoli non c’entravano nulla. Era tutto merito del metodo e della sua applicazione, il costo della seduta è stato ampiamente ricompensato dai risultati.

l'Ortho-Bionomy®, in estrema sintesi, è una pratica e filosofia di vita che unisce la pragmaticità d'azione del mondo occidentale con l'introspezione sviluppata dalle culture orientali, l’operatore e il paziente sono legati e lavorano insieme per il raggiungimento di uno stato fisico migliore, per cui si recupera leggerezza e fluidità ed è una pratica rieducativa adatta ad ogni età.

Il principio universale è: “il tuo benessere di riflesso diventa il mio benessere”.

Fonti e riferimenti:

https://www.ortho-bionomyitalia.it

https://www.cure-naturali.it/enciclopedia-naturale/terapie-naturali/medicina-naturale/ortho-bionomy.html#cosa-cura


Samanta Crespi