I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Dislessia, sintomi e consigli. Intervista a Rossella Grenci ( seconda parte)

28/08/2016 - AUTORE:

Quali sono gli atteggiamenti da evitare come genitori e come insegnanti nei confronti dei ragazzi dislessici? Il ragazzo ha bisogno di sentirsi sostenuto e accettato sia dai genitori che dagli insegnanti. Le difficoltà sono oggettive e non serve pretendere cose che non può dare, così come non serve farlo esercitare sulla lettura con esercizi ad alta voce o nella scrittura con copiati o dettati in quanto i dislessici hanno difficoltà negli automatismi. Qualora il bambino segua una terapia logopedica è utile tener conto delle indicazioni della logopedista, sia a casa che a scuola, per le esercitazioni del caso.

La dislessia è un disturbo transitorio o permanente?La dislessia è un "disturbo" in quanto implica una diversità di tipo neurobiologico, cioè un diverso funzionamento delle aree cerebrali deputate alla lettura e alla scrittura. Pertanto è una caratteristica individuale permanente, come avere i capelli biondi o gli occhi castani. La sua espressività, però, può modificarsi nel tempo, a seconda di una serie di variabili che sono la gravità del disturbo, se è stato trattato, fattori ambientali (famiglia e scuola) o altro ancora.

Attorno a questo argomento c'è molta ignoranza e come sempre all'ignoranza si accompagna la paura. Paura da parte dei genitori di affrontare l'esperienza di un figlio "diverso", di sostenere il confronto con gli altri e un percorso in salita. Da madre, oltre che da professionista, quali sono i consigli che si sente di dare a un genitore che si trova di fronte a questa esperienza?

Il circolare di notizie sull'argomento sta rendendo più facile la comprensione del problema. Mi capita piuttosto raramente, negli ultimi tempi, di trovare genitori spaventati o "ignoranti". E' invece il contrario: i genitori (in particolare le mamme) sono i primi a intuire che qualcosa non va e a segnalarlo. A quei genitori timorosi voglio ricordare che ogni bambino ha delle sue caratteristiche e che i dislessici non sono altro che bambini che apprendono in modo diverso. In realtà sono particolarmente creativi e originali. Non per niente molti tra i grandi personaggi della storia sembra siano stati dislessici!

Ci sono delle letture che consiglia alle famiglie dei ragazzi dislessici?I testi pubblicati dall'Associazione Italiana Dislessia possono essere utili. Per quanto riguarda i miei libri non posso che consigliare Le aquile sono nate per volare - Il genio creativo nei bambini dislessici. Per i bambini consiglio Storie di Normale Dislessia. 15 dislessici famosi raccontati ai ragazzi, scritto a 4 mani con un giovane dislessico. Questo libro, oltre a raccontare ai ragazzi le storie di questi personaggi (da Carlo Magno a Tom Cruise) ha la caratteristica di massima leggibilità, grazie al carattere di stampa Easy reading della casa editrice Angolo Manzoni, che è stato creato in seguito anche alle indicazioni mie e del coautore del libro, dottor Daniele Zanoni.

La ringraziamo per la sua preziosa testimonianza e segnaliamo ai nostri lettori anche il sito dell'AID, Associazione Italiana Dislessia, www.aiditalia.org e il sito dell'AGIAD, Associazione Genitori, Insegnanti e Amici della Dislessia, www.agiad.it , che forniscono informazioni preziose a chiunque desiderasse approfondire questo argomento.