I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Tutte le agevolazioni della legge 104 ( prima parte)

Carissimi lettori,

molti non sanno che le agevolazioni che si possono ottenere con la legge 104   (art. 33 L. 104/92 e art. 33 Dlgs. 151/2001 ) sono moltissime e vanno dai permessi lavorativi per il disabile e i familiari affini entro il 2° grado del disabile, ai congedi straordinari, alla scelta della sede di lavoro più vicina al domicilio, al rifiuto di un lavoro notturno, alla detrazione sull'acquisto auto, carrozzine, ausili, mezzi informatici, all'esenzione del bollo, alla detrazione spese mediche e assistenza e infine alle detrazioni per abbattimento barriere architettoniche e ristrutturazione.

Per i permessi va fatta prima la domanda all'Inps in via telematica. I permessi, spettanti ad un unico lavoratore per assistere lo stesso disabile non ricoverato a tempo pieno, sono concessi dal datore di lavoro previa domanda telematica all’INPS da parte dell’interessato e nei seguenti limiti.


Quanti giorni si possono richiedere?Il lavoratore disabile ha diritto a 2 ore giornaliere o 3 giorni al mese continuativi o frazionati mentre il coniuge, convivente, parenti e affini entro il 2° grado del disabile hanno diritto a 3 giorni al mese. Ma ci sono delle eccezioni anche per non i familiari.

Al genitori del figlio disabile quanto spetta? Fino all’età di 3 anni, possono chiedere alternativamente il prolungamento del congedo parentale per un periodo complessivo (compreso il congedo ordinario) non superiore a 3 anni (da fruire entro il 12° anno di età), 2 ore di permesso giornaliero o 3 giorni al mese continuativi o frazionati; Dai 3 ai 12 anni di età del figlio, i genitori possono ottenere il prolungamento del congedo parentale (nei limiti sopra citati) o 3 giorni al mese continuativi o frazionati; Per i figli di età superiore ai 12 anni, i genitori hanno diritto unicamente ai 3 giorni mensili.


La retribuzione spetta al lavoratore assente per la 104? Al lavoratore assente perché in permesso 104 spetta comunque la retribuzione, anticipata dal datore in busta paga poi da questi recuperata sui contributi previdenziali dovuti all’INPS con modello F24, eccezion fatta per i casi di pagamento diretto da parte dell’Istituto.

Nei prossimi articoli ci addentreremo in tutto il mondo della 104 e dei vantaggi che essa apporta al disabile e ai familiari per agevolarne l'esistenza.

Tiziana