I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Sconti sulle tariffe telefoniche per chi è affetto da disabilità uditive e visive

Da quando è stato inventato il telefono, questo apparecchio ha fatto sempre parte di noi. Prima era un semplice apparecchio per la casa, poi è diventato sempre di più un mezzo per fare anche altro. Dal semplice simbolo della cornetta, è cambiato anche nella sua struttura, assumendo varie forme con colori diversi, fino a diventare un elemento prezioso e anche in certi casi costoso di design. Il classico disco è stato aggiunto da tasti, sono stati messi in commercio i cordless, venduti addirittura a coppie o in più elementi. E si è passato dal solo utilizzo in casa alle cabine telefoniche fino ad arrivare ad un uso più tecnologico con i cellulari, chiamati anche telefoni mobili, differenziandoli nella terminologia del telefono in casa, chiamato fisso. Cellulare che poi da qualche anno è anch'esso cambiato, sia nella forma con diverse dimensioni, ma soprattutto con l'utilizzo di moltissime funzioni determinando in questo modo la non più esclusiva caratteristica di fare e ricevere chiamate (e parlo non solo delle applicazioni, ma anche il collegamento ad internet o la fotocamera) e determinando una progressiva diminuzione ed uso del telefono utilizzato in casa. Quale sia più utile, questo ovviamente dipende da persona a persona. Certo, prima, quanti di noi sono nati e vissuti durante le sole cabine telefoniche e il telefono in casa, senza nemmeno internet, hanno vissuto e vivevano lo stesso, ma era forse un’epoca diversa, non so se migliore o peggiore, a ciascuno di voi la risposta, ma in ogni caso il progresso, il buon progresso va sempre incoraggiato e sostenuto.

Naturalmente entrambi variano dal tipo di modello, da chi lo realizza, dai costi, dalle caratteristiche e dal servizio che ci viene fornito. In ogni caso, che sia fisso o mobile è sempre di più un oggetto primario e quasi indispensabile. 

Un qualsiasi modello di telefono appunto varia a seconda dell’anno, della marca e da alcune caratteristiche peculiari proprie del telefono rispetto ad un altro, ma ciò che varia è anche e soprattutto il prezzo delle varie compagnie telefoniche che spesso mediante pubblicità e chiamate dei call center ci bombardano continuamente con promozioni varie. Una novità che dovreste conoscere è che l’AGCOM (l’Autorità per le Garanzie nelle COmunicazioni) ha dichiarato che chi è affetto da disabilità uditive e visive ha diritto a chiedere delle condizioni economiche agevolate per le tariffe del proprio telefono. Tariffe non del telefono in sè, cioè almeno per il momento e se non è la casa produttrice o un determinato negozio a promuovere. non è possibile acquistare telefoni gratuiti o a prezzi agevolati. In ogni caso è sempre importante e riduce le spese perchè, almeno nella maggior parte dei casi, il telefono viene usato sia per chiamare che per ricevere chiamate.

Infatti, la delibera numero 514/07CONS, emanata proprio dall’ AGCOM, prevede che chi è affetto da disabilità uditive (gli abbonati residenziali sordi, ma anche nel cui nucleo familiare sia presente un soggetto non udente) può e quindi deve usufruire di particolari agevolazioni economiche nell’ utilizzare i servizi sia del telefono, ma anche di internet, mediante l'esenzione dal pagamento del canone di abbonamento al servizio telefonico dell’abitazione privata. Ottenere queste agevolazioni è anche molto semplice in quanto è sufficiente che l’abbonato faccia domanda di esenzione alle società fornitrici al momento della richiesta di abbonamento o in qualsiasi momento successivo, ma è meglio sempre farlo prima, a meno che ovviamente si verifica una cambiata situazione della persone in seguito alla sottoscrizione del contratto con la società fornitrice telefonica.

Queste agevolazioni possono essere usufruite anche da chi ha una sordità congenita o acquisita fino a 12 anni, ma anche chi ha difficoltà di apprendimento del parlato e chi è affetto da problemi visivi totali con indennità di accompagnamento, ma non parziale o se ipovedenti anche gravi. Quest’ultima e cioè il dare un'esenzione anche alle persone non vedenti è la più importante delle novità in quanto una persona non vedente ha bisogno di tempi ovviamente più lunghi ad esempio nell'utilizzare i comuni programmi di sintesi vocale o anche per andare su internet, pertanto chi ha problemi di cecità totale potrà, al momento, usufruire di uno sconto del 50% sul canone mensile per la connessione Internet o potrà scegliere 90 ore gratuite di navigazione al mese.

Ovviamente questo è quanto è emerso dalla delibera dell’AGCOM, ma secondo me, è sempre bene, prima della sottoscrizione del contratto o successivamente, chiedere ed informarsi prima (se si deve ancora sottoscrivere un contratto) se ci sono tariffe agevolate sia per le tariffe per i contratti di telefoni fissi ma anche per i cellulari, anche per un'eventuale nuovo acquisto proprio dei telefoni, sia fissi che cellulari, in quanto o per scarsa conoscenza degli operatori nei call center o per un vantaggio delle società che non dicono tutto, soprattutto se spesso il vantaggio è esclusivo del cliente o anche per un cambiamento continuo delle norme, spesso chi vi chiama non vi dirà niente di tutto ciò. Perciò, cercate di informarvi prima o comunque provate a chiedere, quindi sottoscrivete il contratto. Oggi e per fortuna ci sono moltissime agevolazioni a favore dei clienti e se queste sono di diritto perchè non chiederle.

Tiziana Scotti