I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Il "Secondo manifesto sui diritti delle donne con disabilità" tradotto in CAA

Grazie alla comunicazione aumentativa alternativa il documento dell'Unione europea è ora accessibile alle donne e alle ragazze con disabilità cognitiva. Traduzione a cura del centro "Informare un'h"

Dopo la traduzione in lingua italiana, e la versione "easy to read" arriva ora la versione in comunicazione aumentativa alternativa (CAA) del “Secondo Manifesto sui diritti delle donne e delle ragazze con disabilità nell’Unione europea” realizzata da Stefania Costantini e Simona Lancioni dal centro "Informare un'h" di Peccioli (Pisa).

Lo stesso Manifesto, del resto, dice chiaramente che "i documenti relativi alle donne ed alle ragazze con disabilità ed ai loro diritti devono essere comprensibili e disponibili nelle lingue locali, nella lingua dei segni, in Braille, in formati di comunicazione aumentativa e alternativa, e in tutti gli altri modi, mezzi e formati di comunicazione accessibili, compresi quelli elettronici".

Da qui l'impegno del centro "Informare un'h" per aggiungere un ulteriore canale informativo accessibile alle donne e alle ragazze con problemi cognitivi. "La trasposizione in CAA ha richiesto un lavoro di semplificazione e sintesi. Tale lavoro è stato svolto cercando di mantenere inalterato il senso complessivo e lo spirito del documento originale. Ulteriori scelte metodologiche hanno riguardato l’individuazione del sistema di simboli da utilizzare" si legge sul sito del Centro.

"Negli ultimi anni è aumentato il numero di opere e di testi tradotti in CAA -commenta Antonio Bianchi, consigliere LEDHA e referente del "Centro studi InBook"-. Tuttavia generalmente si tratta di testi letterari e, principalmente, di testi per bambini. La traduzione del Manifesto dei diritti delle donne va nella direzione di una messa a disposizione di un pubblico più ampio di testi importanti e di documenti fondamentali per l'affermazione dei diritti delle persone con disabilità". Fonte:

https://personecondisabilita.it/page.asp?menu1=3&notizia=8560&page=1