Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

“Sensuability & Comics”

In un articolo di qualche mese fa vi ho parlato del corso "Sensuability & Comics”, promosso dall'associazione Nessunotocchimario con il patrocinio del Comicon.

Siamo arrivati alle fasi conclusive, infatti sono 60, tra fumetti e illustrazioni, le opere, per un complessivo di 34 artisti, che hanno partecipato alla seconda edizione del concorso. Col tema "Francamente me ne infischio”, frase presa in prestito dal film Via col vento, lo scopo del concorso è stato quello di esplorare, attraverso l’arte ed il disegno, al tempo stesso l’universo della disabilità e della sessualità, in cui in cui si doveva ritrarre dei corpi imperfetti, ma al tempo stesso sensuali al fine di vivere la sessualità oltre i pregiudizi, oltre l’ossessione di corpi considerati dalla massa perfetti.

Tutte le opere pervenute verranno esposte, in una mostra che si terrà a Roma, presso la Casa del Cinema, in Largo Marcello Mastroianni (Villa Borghese) dal 14 febbraio al 14 marzo. Poiché si tratta di un concorso comunque, ci sono delle premiazioni e dei premi: il primo classificato vincerà un weekend, un workshop con il vignettista Pietro Vanessi; il secondo la partecipazione alla stesura dello storyboard di un film che verrà realizzato nell’ambito del progetto Sensuability; per il terzo, invece, sono previsti biglietti gratuiti per il Comicon.Oltre ai fumetti e alle illustrazioni che hanno partecipato al concorso, si potranno ammirare le opere di artisti come Milo Manara, Fabio Magnasciutti, Frida Castelli, Luca Enoch, Stefano Tartarotti, Marco Gava Gavagnin e Francesca D’Amato, che sostengono l’iniziativa.

Chi di voi abita a Roma o nei dintorni può, se vuole, ma sarebbe bello, andare a vedere queste opere e in generale tutta la manifestazione. Credo che questo possa essere un modo diverso, ma efficace di trattare il tema e l’argomento della sessualità, che spesso e ancora oggi è considerato un tabu, un qualcosa di… strano non solo da considerare, ma anche da far approcciare per chi ha determinate disabilità.

Alessandro Cavernicoli