Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Addio alla paladina dei disabili, è morta Gertrud Calenzani

08/02/2019 - AUTORE: Sonia Sabatini

Una battaglia, la sua, iniziata negli anni Settanta, quando i disabili erano esclusi dalla società civile; se ne provava vergogna, per cui venivano tenuti in casa o nascosti. Relegati in qualche struttura-ghetto, raramente ne uscivano e non potevano frequentare la scuola. Oggi, per nostra fortuna, è cambiato tutto. E molto, in Alto Adige, lo si deve a Gertrud Calenzani, alla sua tenacia. Una donna che non aveva paura di niente e che per anni ha pungolato la giunta provinciale a trovare risorse per integrare le persone disabili.
Il 25 ottobre 1979 era stata tra le fondatrici dell'Associazione di persone in situazione di handicap, denominata Aeb. Tra i soci fondatori genitori e medici, psicologi, educatori, assistenti sociali, dirigenti, personale docente. La vera svolta in Alto Adige arrivò nel 1981, quando a Gertrud Calenzani riuscì qualcosa di davvero impensabile: convinse a scendere in strada, in corteo, 1.500 persone, che portarono la protesta fino sotto ai palazzi provinciali. Riuscirono ad aprire una breccia, con quel corteo. Poi ci vollero quasi due anni, tempi tecnici e politici, ma alla fine venne varata la legge provinciale 20/1983. Grazie a questa norma le persone disabili oggi hanno diritto all'assistenza nei laboratori protetti diurni e a un alloggio nelle strutture dedicate.
Aveva lasciato ogni incarico nel 2008, e in segno di riconoscenza era stata premiata dall’ex presidente Luis Durnwalder. In considerazione del suo grande impegno nel 2016 era stata conferita a Gertrud Calenzani la medaglia al merito del Land Tirolo.
FONTE:http://www.altoadige.it/cronaca/bolzano/addio-alla-paladina-dei-disabili-è-morta-gertrud-calenzani-1.1898151
SONIA