I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Politica e politicanti.

28/08/2016 - AUTORE:

Le tortore volano. Il cielo è plumbeo e fa freddo. Che strana primavera stiamo vivendo. Nelle prossime ore si saprà anche che cosa succederà del nostro governo. Stabilità, emozione, instabilità paura ed incredulità. Ma cosa vogliamo in cambio? Civiltà? Impossibile. Ma tutti questi personaggi che ci girano intorno chi sono?

Che preparazione hanno? Ma chi sono? Il Cielo ci manda raggi di sole ed angeli ma, questi non mi sembrano angeli ma diavoli di bieche storie per bambini. Dove l'uomo nero rappresentato dal politico di turno sembra essere meglio del banalissimo lupo delle favole di un tempo. Siamo alla fine o forse all'inizio. Ascolto le tortore e spero che sia un inizio diverso da tutto ciò che abbiamo vissuto fino adesso. Il silenzio delle idee questo mi spaventa. Ma dove sono finite le idee che un tempo i nostri politici millantavano in campagna elettorale? Una miriade di atolli spettacolari dove ci hanno fatto sperare di poter vivere ed invece? Lavoro? No quello no, soldi? Si che ci sono, mettiamo le mani nelle tasche dei risparmi delle famiglie dopo anni di sacrifici e di ristrettezze. Tassiamo la casa no? Che schiocchi siamo stati a non averci pensato prima. Il sogno di stabilità di ogni famiglia italiana da sempre, un tetto sulla testa. Sacrifici e sangue, sacrifici e risparmi e noi che facciamo? Finalmente mettiamo le mani anche sulla casa. Disabili? Ma cosa vogliono ancora? Invece che chiamarli handicappati che pareva tanto brutto li chiamiamo finemente: diversamente abili e gli riduciamo le pensioni. Gli leviamo l'accompagnamento ed alle sindromi Down li facciamo rivedibili, che dite bella idea no? Ai malati di Sla permettiamo (magari aiutandoli nei costi di stampa) di scrivere qualche libro in maniera tale che, l'opinione pubblica sia così impegnata a leggere questi libri spietatamente veri e sull'onda della commozione non si accorgano che, li fregheremo nascondendo il fatto che, faremo dei tagli sostanziosi sulla ricerca. Sono solo parole ma poi seguiranno anche i fatti e saranno tremendamente ingiusti. Andando avanti così riusciremo a chiudere in attivo i conti dello Stato. Le auto blu? Bhe compriamone altre nuove di quelle ce n'è sempre bisogno e per gli stipendi dei parlamentari vediamo di aumentarli, non possiamo lasciarli senza redditi elevatissimi ne andrebbe del loro senso di realizzazione. Vogliamo rendere frustrata la nostra classe governativa? Per il Presidente della Repubblica avrei un'idea: anzi che bella idea. Pensate un ultraottantenne farà al caso nostro, daremo potere a chi non sa gestirlo ed ai finti dittatori camuffati da oppositori diremo grazie di averci messi finalmente e definitivamente in ginocchio. Grazie Italia, morituro  te saluta. Paola