I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Hai diritto all' IVA al 4%
Servizio Clienti (+39) 055.36.05.62

Breve racconto

28/08/2016 - AUTORE:

Oggi si presenta a noi una nuova scrittrice si chiama Carla, ed è con grande piacere che personalmente le do il "benvenuta" nella grande famiglia di disabiliabili.net: spero che anche voi lo farete. Si presenta con un breve.... scritto dedicato ad un suo carissimo amico e a tutti noi. Leggete, leggete poi... (Renè) BREVE RACCONTO – dedicato a Marco

La nebbia avvolge tutto come una coperta semitrasparente. Si intravvedono i filari di pioppi, e tutto intorno a me è silenzioso, ovattato. Passeggio lungo il viottolo che mi porta verso casa. Mi piace la nebbia, quando non devo spostarmi con l'auto. Gli alberi sono quasi del tutto spogli e cammino su un tappeto di foglie di svariati colori. Cammino a passo lento per prolungare la passeggiata che mi permette di meditare e di entrare nel più profondo del mio cuore e ascoltarlo.

Incrocio due cacciatori. Personalmente rispetto chiunque, ma proprio non riesco a condividere il piacere di questo hobby. Se avessi creato io l'uomo, lo avrei fatto vegetariano.

Il mio vecchio cane mi cammina a fianco e ci parliamo; lui capisce il mio linguaggio ed io il suo. La sua compagnia silenziosa rende più profondi i miei pensieri.

Dal passato riemergono gli occhi di tutti coloro che ho Amato nel corso della mia vita; ma stasera due occhi stupendi sovrastano tutti gli altri. Sono quelli di Marco, ora turchini, ora verdi, della sua giovinezza impreziosita dal dolore che lo ha reso più forte. Amico, figlio, sostegno indispensabile delle mie numerose cadute. Spero sia felice in questo momento, ovunque e con chiunque si trovi.

E prima che tutto sia compiuto, rivederli, almeno una volta ancora.