Attività paraolimpica

Articolo scritto il 10 marzo 2007 da Roberto Poppi Commenti

Oggi la FISD conta circa quindicimila tesserati, seicento associazioni sportive affiliate, è presente con le proprie strutture su tutto il Territorio Nazionale e partecipa alle più importanti competizioni di livello mondiale ed europeo, programmate nell’anno per tutte le discipline sportive praticate e culminanti nei Giochi Paraolimpici Estivi ed Invernali aventi svolgimento nello stesso luogo in cui si disputano i Giochi Olimpici Estivi ed Invernali, a distanza di 15 giorni
[...]
SPORT SOCIALE
Ma, l’elemento differenziale tra la FISD e le altre entità sportive risiede nella peculiarità delle sue azioni ed iniziative, improntate, al di là degli evidenti contenuti tecnico-sportivi, al perseguimento di valori culturali, etici e sociali, alla piena tutela ed integrazione del disabile nello sport e nella vita civile.
[...]
Gli scopi primari perseguiti dalla FISD, quindi, non si esauriscono nello svolgimento dell’attività Paraolimpica e di Alto Livello, direttamente collegata al Comitato Olimpico Nazionale Italiano, sia sotto il profilo tecnico-organizzativo che finanziario, ma estendono la loro impronta pregnante su una realtà non meno significativa di quella squisitamente agonistica, tesa a promuovere l’attività sportiva tra tutte le forme di disabilità, quale fondamentale panacea riabilitativa e risocializzante, a divulgare in tutti i settori ed a tutti i livelli la cultura dell’handicap.
[...]
SPORT E SANITA’
La FISD trova nel proprio operato continuità e complementarità con un particolare tipo di riabilitazione: LO SPORT –TERAPIA.
Soprattutto le lesioni midollari, prevedono un tempo di riabilitazione in cui, determinante attività fisico-sportive, per la loro peculiare caratteristica, favoriscono il superamento dell’instaurarsi di stati patologici post-traumatici, quali spasticità muscolari.
La terapia in acqua, ad esempio, per la sua particolarità di operare in un ambiente contro-gravità (la colonna vertebrale, non solo non è sottoposta alla attrazione gravidazionale della forza di gravità, ma, anzi, subisce una contro-spinta verso la superficie dell’acqua), si pone come attività sportiva frequentemente sperimentata da persone che da poco hanno acquisito la disabilità.
[...]
Per leggere tutto l'articolo: Attività Paraolimpica