Dimostrare scientificamente la disfunzione immunitaria nella Me/cfs e' possibile.

Articolo scritto il 12 novembre 2011 da Tiziana Commenti

La Disfunzione immunitaria è un marchio di garanzia per una diagnosi oggettiva di Me/ CFS. Purtroppo queste analisi in Italia non si fanno. In Belgio al laboratorio del dott. Merlier e' possibile spedire i campioni di sangue: purtroppo come al solito  i costi sono a carico del malato.

Alcune anomalie sorprendenti si trovano nella via del L 2-5A sintetasi/RNasi, che normalmente è coinvolta nella difesa antivirale. I ricercatori nei primi anni ' 90 a Temple University, USA, hanno osservato una forma anomala di basso peso molecolare di RNasi L nelle cellule del sangue dei pazienti Me/CFS. Gli scienziati presso i laboratori R.E.D successivamente dimostrarono che questa forma di basso peso molecolare è stata prodotta su scissione da apoptotsi e proteasi infiammatorie come elastasi.

 

Il modulo di basso peso molecolare di RNasi L illustra un'attività enzimatica di disregolazione e puo' in tal modo interferire con varie funzioni cellulari. Altra cosa  frequente osservata e' la disregolazione immune, che comprende l' attività di cellule NK basse, basso CD57 + conteggi di cellule, alterate cytokine profili (Th1/Th2 squilibrio e produzione di citochine infiammatorie), livelli anormali di solubile CD14 e C4a.

Prove utili sono le seguenti:

• RNase L cleavage assay

• Perforin expression assay (Natural Killer cell activation)

• Elastase expression assay

• CD57+/CD3- absolute cell count

• Soluble CD14 serum level

• C4a serum level

Per un elenco completo delle prove si puo' scaricare il modulo di richiesta .

RNASI L SCISSIONE ASSAY. Ribonucleasi L (RNAsi L) è uno degli enzimi chiave indotto dall'interferone ed è responsabile di molti effetti degli antivirali osservati. Il nativo RNasi L ha un peso molecolare di kDa 80 e viene attivato mediante l'associazione di una molecola di piccole effector nota come 2-5A. Una volta attivato, RNasi L distrugge RNA virale (si arresta il processo di infettivo) e allo stesso tempo innesca la rimozione delle cellule infettate da indurre la morte programmata delle cellule (apoptosi). Nelle cellule immunitarie dei  pazienti CFS, RNasi L viene scisso dall'azione delle proteasi. Questo genera una specie di basso peso molecolare (OLTRIF) di RNasi L che agisce in maniera incontrollata e interferisce con il corretto funzionamento delle cellule del sistema immunitario. L'accresciuta presenza delle forme di peso molecolare inferiore può essere rilevata mediante tecniche di biologia molecolare. Il valore riportato corrisponde al rapporto di forma OLTRIF al form kDa 80 nativo.

PERFORINA ESPRESSIONE ASSAY. Cellule Natural Killer (NK)sono cellule citotossiche che mediano la risposta immunitaria contro certi tumori e le cellule infettate da virus. Cellule NK normalmente si trovano nel sangue periferico e sono classificate da loro marcatori di superficie delle cellule come CD3-/ CD56 + cellule. Attività di cellule NK viene alterata in diverse malattie come la sclerosi multipla, il lupus e CFS ed è molto sensibile ai vari inquinanti ambientali. Dal momento che le cellule NK giocano un ruolo centrale nella difesa contro i virus, diminuita l'attività NK può portare allo sviluppo di infezioni virali opportunistiche. Cellule NK esercitano il loro effetto citotossico rilasciando perforina, una proteina che distruggerà la membrana citoplasmatica di cellule bersaglio e infine li uccidono. Espressione di perforina mRNA può essere misurata come un mezzo per valutare NK cell attivazione.

ELASTASI ESPRESSIONE ASSAY. Elastasi sono una proteasi infiammatoria espressa in cellule immunitarie (monociti, neutrofili). Elastasi contribuiscono alla difesa immunitaria di inattivare i batteri stranieri ma allo stesso tempo che provoca danni al tessuto connettivo, scioglie le citochine, immunoglobuline e recettori di cellule del sistema immunitario. Una produzione eccedente, cronica di elastasi pertanto è dannosa. Nei pazienti CFS, elastasi sono responsabile per la scissione di RNasi l. espressione di elastasi che mRNA può essere quantificato come marcatore specifico di infiammazione.

CD57 + / CONTA DELLE CELLULE CD3-ASSOLUTO. CD57 + / CD3-cellule sono un sottoinsieme delle cellule NK. La loro funzione esatta, e ciò che li distingue dalle cellule NK /CD56 +, non è ben compresa. Il numero assoluto di CD57 + / CD3 cellule è bassa nei pazienti affetti da malattia di Lyme cronica (una malattia che segue un'infezione da un batterio chiamato Borrelia). I pazienti con bassissima CD57 hanno significativamente più co-infezioni e persistenti immunologici difetti di pazienti con conteggi superiore. Nei pazienti che rispondono alla terapia antibiotica, il numero di cellule di tornare alla normalità, quindi questo è un indicatore utile per seguire l'effetto di una terapia.

CD14 SOLUBILE. CD14 è espressa in monociti/macrofagi e svolge un ruolo critico nel riconoscimento dei componenti della parete cellulare batterica (LPS). La parte extracellulare del CD14 può essere scisso e rilasciata nel plasma, dove esso sarà inattivare LPS in circolazione. I livelli sierici di CD14 solubili sono significativamente elevati nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali, morbo di Crohn, ma anche nei pazienti affetti da brucellosi o la malattia di Lyme.

LIVELLO di siero C4A. C4A è un anafilotossina generato dalla scissione del componente complemento 4 (C4), dopo l'attivazione del sistema del complemento. C4a aumenta la risposta infiammatoria locale di cause e sintomi di ipersensibilità. A seguito di esercizio in pazienti CFS sono elevati livelli di C4a. Uno studio statunitense ha riferito che elevato complemento C4a era un marker precoce per la malattia di Lyme in pazienti  morsi dalla zecca.

Fonte. http://www.redlabs.be/